L’attesa della felicità

mich18Elio ha 59 anni, e da due è vedovo. È un uomo colto, un professore universitario, che da anni sta scrivendo un saggio su Stendhal. Lo vediamo all’inizio arrivare in una località termale, che ha frequentato per anni con la moglie. Là ritrova un suo amico, che ha tre anni più di lui, la di lui bella moglie cinquantenne e la loro bella figlia trentenne (sposata). Là conosce anche una bella giovane ex modella venticinquenne (sposata), e avrà a che fare giornalmente con una bella massaggiatrice quarantenne. Insisto sull’aggettivo bella, perché quello della bellezza delle donne nei romanzi è da sempre una questione che mi pongo (vedi punto 2).  Gli eventi che si dipanano nelle due settimane di soggiorno termale di Elio ruotano tutte sui problemi delle coppie: sono tutte in sofferenza, e sull’orlo del disfacimento. E nel corso degli eventi, Elio è portato a dare una sterzata alla sua vita, a operare un cambiamento (quanto radicale non saprei dire, forse abbastanza radicale).
Prima di scrivere questa nota sull’ultimo romanzo di Roberto Michilli, L’attesa della felicità (Di Felice 2018, la prima stesura è del 2004-2005), mi sono riletto quello che ho scritto sui suoi libri precedenti. E ne ho estratto alcune considerazioni, che secondo me confermano la mia idea di una sostanziale unità tematica e stilistica di tutta l’opera di questo scrittore.

1) I romanzi di Michilli sono totalmente postmillenniali, anche se il suo linguaggio appare abbastanza tradizionale e medio (nel senso di un’aurea, elaborata mediocritas): i suoi personaggi vivono in un quadro di pensiero debole socialmente incarnato (Desideri).
2) L’uso di un linguaggio corrente per esprimere verità lontane rispetto ai luoghi comuni è inteso da Michilli come il compito principale della narrativa contemporanea. (La chiarezza enigmatica)
3) La maturità disincantata del suo sguardo sul mondo si riflette nel suo stile, e il controllo della scrittura rivela una profonda assimilazione della lettura dei classici. (Fate il vostro gioco)
4) Ben difficilmente nei romanzi compaiono come protagoniste donne che non siano belle e desiderabili, e questo fin dall’inizio della storia del genere letterario fondamentale dell’Occidente. Questo, che per me rappresenta una delle questioni più spinose del romanzo come genere letterario, vale anche per quelli di Michilli, che tuttavia vede nella bellezza una sorta di condanna all’infelicità. (La più bella del reame)
5) Miseria della sessualità ridotta a pura immediatezza (Il sogno di ogni uomo), che si innesta organicamente e si fonde con quello che per Michilli è un tema di fondo, un tema decisivo, la questione suprema di quel che rende una vita felice.

Ora, ne L’attesa della felicità mi sembra che si renda del tutto trasparente ciò che è presente in tutta l’opera narrativa di Michilli: la felicità è un predicato del corpo, e si attua nel contatto e nella relazione tra umani che è anzitutto e soprattutto corporea. E il corpo è immediatezza, e nello stesso tempo è il medium della relazione tra gli esseri  umani. Lo testimonia qui l’attenzione ai particolari, che sono puntualmente registrati, anche fare la pipì e tagliarsi le unghie, come visti da e sperimentati dallo stesso Elio (è in terza persona, questo romanzo, ma sarebbe facile trasformare la terza persona di Elio in io narrante). Anche l’inaspettata chiusa del romanzo, che potrebbe sembrare arbitraria e incoerente, è perfettamente in linea con la logica, e direi anche con la metafisica minimalista, di questo romanzo.

Annunci

Una risposta a "L’attesa della felicità"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...