Centro del Centro

Foto stupenda dell’ottobre 2010: Gheddafi sta tra il dittatore yemenita e quello egiziano. C’è anche quello tunisino. Mai come in questi giorni appare in tutta la sua evidenza la verità fondamentale della condizione umana: il centro è il luogo della potenza ma anche quello della vittimizzazione. Il centro è il luogo da cui si irradia la potenza ma anche il punto del mirino reticolato di un’arma di distruzione. Tutto converge verso il centro.

Da uomo potentissimo a vittima inerme. Il linciaggio di Gheddafi, il trattamento inumano cui è stato sottoposto, sembrano scalfire ben poco la coscienza collettiva mediatizzata. Ancora una volta è evidente come l’alta considerazione in cui apparentemente è tenuta in Occidente la vita umana (e ora anche animale) sia solo una fragile crosta. Quel che J. Conrad aveva capito perfettamente, e noi che piangiamo per i gatti abbandonati ci rifiutiamo di vedere.

5 risposte a "Centro del Centro"

  1. un dittatore in meno sulla faccia della terra.

    il mio augurio e che piano piano
    tutti vengano eliminati dalla faccia della terra.

    forse il centro sarà più luminoso, dopo.

  2. Quando c’è il petrolio di mezzo calunnie sesquipedali e cinismi spietati mascherati d’idealità sono la norma. Vedremo negli anni cosa ci guadagna “il popolo libico”. Comunque, dopo la resistenza leonina che ha imposto ai suoi doveva morire sparando, non chiedendo pietà.

  3. In realtà non c’è motivo di credere che sia morto chiedendo pietà anche se la cosa non è cosi importante .Quello che è importante è questo :
    16 cose che i libici non rivedranno mai più:

    1 – Non vi è alcun bolletta elettrica in Libia; l’elettricità è gratuita per tutti i cittadini.
    2 – Non vi è alcun interesse sui prestiti, le banche in Libia sono di proprietà dello Stato e i prestiti concessi a tutti i suoi cittadini hanno, a norma di legge, lo zero percento di interesse.
    3 – Avere una casa è considerato un diritto umano in Libia.
    4 – Tutti i novelli sposi in Libia ricevono 60 mila dinari (US $ 50.000) da parte del governo per acquistare i loro primo appartamento contribuendo così all’avvio della famiglia.
    5 – Istruzione e cure mediche sono gratuite in Libia. Prima di Gheddafi solo il 25 per cento dei libici erano alfabetizzati. Oggi, la cifra è dell’83 per cento.
    6 – Se un libico volesse intraprendere una carriera agricola, riceverebbe terreni agricoli, una casa in campagna, attrezzature, sementi e bestiame per avviare la propria attività, il tutto gratuitamente.
    7 – Se i libici non fossero riusciti a trovare il sistema medico o scolastico di cui avessero avuto bisogno (in Libia), ci sarebbero stati dei fondi governativi per andare all’estero e non solo, avrebbero ottenuto mensilmente US $ 2.300 / al mese per indennità di alloggio e auto.
    8 – Se un libico compra una macchina, il governo sovvenziona il 50 per cento del prezzo.
    9 – Il prezzo del petrolio in Libia è di $ 0,14 per litro.
    10 – La Libia non ha un debito estero e le sue riserve monetari sono pari a $ 150 miliardi (ora congelate).
    11 – Se un libico non è in grado di trovare lavoro dopo la laurea lo stato paga l’equivalente dello stipendio medio per la professione. (ciò vale anche per le professioni per cui non serve una laurea)
    12 – Una parte degli introiti derivanti dalla vendita del petrolio libico viene accreditato direttamente sui conti bancari di tutti i cittadini libici.
    13 – Una madre che dà alla luce un bambino riceve 5.000 dollari USA.
    14 – 40 pagnotte di pane in Libia costano $ 0,15.
    15 – Il 25 per cento dei libici è laureato.
    16 – Gheddafi rese possibile il più grande progetto mai sperimentato al mondo di irrigazione, conosciuto come il Great Manmade River project, al fine di rendere disponibile più facilmente l’acqua nella regione desertica.

  4. M scuso. Non sono anonimo.Sono Thomas e sono già intervenuto altre volte. Rispondo alla sua domanda dicendole che lei non può sapere cosa volevano i LIbici , perchè nessuno glielo ha chiesto . Sappiamo solo che una assoluta minoranza ha avuto il sopravvento grazie alla superiorità militare della Nato .Forse è il caso di ricordare che Gheddafi di fronte ai primi conflitti propose delle libere elezioni sotto controllo del’Unione africana ,ma 30.000 morti dopo non fa comodo ricordaselo.
    thomas

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...