Del noir 1

ex-libris_thumbnail1.jpg

Negli ultimi tempi (un concetto per me alquanto relativo) ho letto, per interesse antropologico-letterario, alcuni noir italiani. Mi rileggo gli scritti relativi, in sequenza. Ho infatti cercato di individuarne la legge.

bio.jpg

Un romanzo da leggere in treno. Letteratura di facile e pronto consumo, certo. E questo l’ho letto in treno, Treviso-Roma. Tuttavia, anche in un romanzo un po’ rozzo (simpaticamente) come Per cosa si uccide di Gianni Biondillo (Guanda, Parma 2004), un libro in cui si incappa in “uno slargo dedito al parcheggio” (p.140) o in un “Ferraro fece il bello e il cattivo tempo per dividerli” (p.189), o in altre espressioni disinvolte, si può trovare qualcosa di interessante. Intanto, il solo fatto delle tre edizioni dice di un gusto diffuso per questo tipo di storie, con questo tipo di personaggi. Ferraro è un poliziotto ovviamente separato dalla moglie, del tutto alla deriva nella vita privata, anche un po’ trash, in fondo. La cosa buona per me, qui, è la conferma di un’idea, cioè dell’idea che ogni protagonista di romanzo – del sub-genere poliziesco italiano nella fattispecie – deve essere irregolare, soprattutto nella sua vita erotica. Insomma, se nella realtà la maggioranza dei poliziotti è sposata con figli, con famiglie regolari (e ciò risalta ogni volta che muore un appartenente alle forze dell’ordine, e se ne nominano e vedono la moglie e i figli), nei romanzi i poliziotti e gli investigatori in genere vivono l’eros in modo problematico.

L’ambiente del romanzo è milanese. E dell’Italia di oggi che si dice qui? Che è un paese allo sbando, col denaro come unico valore sicuro, con un sistema della giustizia che funziona male, con una diffusa demotivazione, e sfiducia circa 1) la capacità degli organi di polizia di individuare i responsabili di reati e delitti; 2) la capacità della magistratura di punire con giustizia i colpevoli catturati.

Biondillo declina questi due punti nel suo modo sbrigativo:

Fra borseggi, pestaggi, rapine, omicidi, ogni giorno il ‘magazzino criminale’ si riem­pie di malefatte di ogni sorta. Lo stoccaggio segue più che la regola del First In First Out quella del Last In First Out. Più aumenta la distanza dall’avvenimento criminoso più è impro­babile che ci si applichi a risolverlo. L’attenzione si sposta a qualche altro atto criminale e il vecchio e polveroso omicidio si fa obsoleto, fuori moda, incapace di stare al passo con i tempi. Solo i serial killer hanno un gran senso del marketing: grazie all’intuizione della serialità (la stessa delle soap opera, a pensarci) ridanno valore di mercato anche a crimini vecchi di anni. Ma quelli più che professionisti del male sono degli artisti invasati. Il vero professionista fa il lavoro pulito pulito, quasi in punta di piedi. L’omicida di professione, a modo suo, è una persona modesta e riservata. Va, uccide, non lascia tracce o al massimo (e solo su esplicita richiesta) fa in modo che qualcun altro paghi per lui. Era proprio questo quello che temeva Ferraro. Trovato Mimmo trovato il colpevole, e ti saluto Ninetta. – (p. 56)

Un pensiero su “Del noir 1

  1. Ottima scelta, l’ho letto anch’io…
    ora sto leggendo ‘il giovane sbirro’ del nostro Gianni…
    la sua scrittura sa coinvolgere al 100%

    :-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...