La vita nuova

ex-libris_thumbnail2.jpg

La ricerca di una vita nuova: un tema declinato in molti modi nella storia del romanzo. In particolare nel sottogenere del romanzo di formazione, cui sembra appartenere La vita nuova di Orhan Pamuk (Yeni Hayat, 1994; trad. it. di M Bartolini e Ş. Gezgin, Einaudi 2000). Un testo abbastanza complesso, in cui la vicenda personale dell’io narrante, un giovane assetato di assoluto, si svolge dentro una Turchia lacerata tra la sua tradizione e la fascinazione dell’Occidente. Il giovane Osman si innamora perdutamente della bella Canan e di un libro che lei stessa gli ha fatto scoprire, un libro che seduce le anime e promette l’incontro con l’assoluto. Ma questo assoluto è, in realtà, la morte.

pamuk.jpg

E qui mi pongo ancora una volta la domanda: perché le donne dei romanzi sono, con rare eccezioni, sempre belle? Credo che qui sia presente un elemento antropologico fondamentale, e che una risposta convincente a questa domanda non sia ancora stata data. Pamuk ne pone un’altra, meno fondamentale, in bocca al suo Osman: “perché le donne belle e sensibili si innamorano sempre di uomini fragili e con la vita rovinata?” (p. 190)

Mi sembrano interessanti le riflessioni che qui riporto, e rimandano al problema della diffusione universale del genere romanzo:

Ho letto molto, non ho letto solo il libro che mi ha cambiato la vita ma anche altri libri. Quando leggevo, non cercavo di attribuire qualche significato profondo alla mia vita spezzata o di trovare conforto e neanche di vedere gli aspetti belli e ammirevoli del dolore. Cos’altro si può sentire se non amore e ammirazione nei confronti di Čechov, di quel russo ingegnoso, tisico e modesto? Mi dispiace per i lettori che cercano di attribuire una dimensione estetica alle loro vite spezzate e tristi con sentimenti che definiscono čechoviani, vantandosi della propria miseria e cercando di renderla bella e sublime. E odio quegli scrittori che fanno carriera sfruttando il bisogno di consolazione di questi lettori. E’ per questo che ho smesso di leggere racconti o romanzi contemporanei. Ah, il povero uomo triste che parla al suo cavallo per placare la solitudine. Oh, il nobiluomo decrepito che dà il suo amore alle piante che innaffia di continuo. Ah, l’uomo sensibile che, seduto tra i suoi vecchi oggetti, aspetta, che ne so, una lettera, una vecchia fiamma o la figlia poco comprensiva. Gli scrittori che copiano grossolanamente da Čechov, rubandogli protagonisti che ci mostrano sempre le loro ferite e i loro dolori e presentandoceli in altri paesi e in altri climi, in realtà vogliono tutti dare questo messaggio: guardate noi, guardate i nostri dolori e le nostre ferite! Guardate quanto siamo sensibili, quanto siamo raffinati, quanto siamo speciali! I dolori ci hanno reso piú raffinati e sensibili di voi. Anche voi volete essere come noi e trasformare la vostra miseria in vittoria o addirittura in senso di superiorità, vero? Allora basta che abbiate fiducia in noi e ci crediate quando vi raccontiamo che i dolori dànno piú soddisfazione dei normali piaceri della vita.
Perciò, lettore, non credere a me che non sono affatto piú sensibile di te, né alla mia angoscia e alla violenza della storia che racconto, ma credi alla spietatezza del mondo! Inoltre, il moderno giocattolo che siamo soliti chiamare romanzo, questa grande invenzione della civiltà occidentale, non è affare della nostra cultura. Se in queste pagine il lettore sente la mia voce un po’ roca, questo non dipende dal fatto che parlo da un piano contaminato da libri e volgarizzato da pensieri grossolani, il problema è che non so ancora come muovermi dentro questo giocattolo straniero.
(pp. 208 – 209)

Un pensiero su “La vita nuova

Rispondi a larmegliamori Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...