Postverità e altri enigmi

27545378_1567090499993211_7606144780947706428_n

Mi ha sempre stupito l’uso corrente del mito greco di Narciso, il giovane il cui desiderio è proiettato unicamente su se stesso, tanto che l’unica cosa che l’innamora è la sua stessa immagine riflessa. Il Narciso mitico non cerca di suscitare, in alcuna forma, il desiderio altrui, tanto che non cura minimamente quello della ninfa Eco, che finisce per consumarsi d’amore. Non è un caso che nella seconda delle tre dissertazioni di cui si compone il libro di Maurizio Ferraris, intitolata Dal capitale alla documedialità, il filosofo si imbatta in Narciso trattando del bisogno di riconoscimento, senza il quale l’attuale sviluppo dei social sarebbe del tutto incomprensibile.
«… non c’è nulla di più erroneo (e, come spesso accade, di pesantemente moralistico) dell’interpretazione dei selfie come narcisismo. Narciso si specchiava e si appagava di questo. Chi si fa un selfie, invece, lo fa per pubblicarlo, e il suo obiettivo non è affatto l’autoappagamento, bensì il riconoscimento da parte del massimo numero possibile di altri esseri umani. Più che un piacere, abbiamo a che fare con un dovere, stretto parente di quella responsabilità che (…) indicavo come un carattere fondamentale degli umani: pubblicare la propria foto, non diversamente dal rispondere alla perentoria domanda “dove sei?”. Non è autoappagarsi narcisisticamente, bensì rispondere a una ingiunzione sociale». (pp. 107 -108)
Le prime due dissertazioni hanno più il carattere della pars destruens, e come tali sono sapide, pungenti e comunicative. La terza, intitolata Dalla postverità alla verità, per essere pienamente apprezzata richiede al lettore un di più di preparazione filosofica (comunque, leggere il libro senza sapere nemmeno lontanamente cosa siano ermeneutica, filosofia analitica, ecc. non è possibile).
Seguire una intelligenza di prim’ordine alle prese coi caratteri fondamentali della nostra epoca è un piacere intellettuale profondo. L’ho provato con questo libro, e ne godo ancora.

https://www.facebook.com/brottof

Annunci

5 risposte a "Postverità e altri enigmi"

  1. Io ho letto alcune cose: “Il manifesto” e i saggi dedicati in particolare al concetto di nuovo realismo: per un verso trovo utile quel che Ferraris asserisce sulla realtà – semplifico al massimo – come qualcosa cui non si può sfuggire, in fondo si tratta della “circostanza” orteghiana. Per l’altro, no: Ferraris (che, per carità, scrive molto bene), non si cimenta con le “forme” della metapolitica (conflitto-cooperazione, amico-nemico, istituzione-movimento, eccetera; se hai letto i miei libri, sai, come la penso…), quindi il suo concetto di realismo, brancola tra un’esistenzialismo di tipo illuminista di basso profilo (nel senso della ragion pratica) e un riassorbimento del politico ( del metapolitico, come lo intendo io) nel prudenziale-esistenziale. Almeno credo. Approfondirò. P.S: si parla comunque di uno studioso di tutto rispetto, non un Cacciari qualunque… :-)

    1. Non avendo letto di Ferraris che questo libretto, non mi pronuncio su di lui. Del resto, lui si confronta qui (e penso sempre) con due correnti filosofiche che non ho frequentato, l’ermeneutica e l’analitica. Penso, anche, che per il momento di Ferraris non leggerò altro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...