Il vecchio pozzo

Il vecchio pozzo, 1970, trad. di B. Ventavoli, Einaudi 2011. Magda Szabó narra la sua fanciullezza. Il vecchio pozzo è quello delle memorie dei tempi lontani, che restituisce una vita che non c’è più. C’è qualcosa che rende così interessanti le memorie private, i ricordi di vite che non assomigliano alla nostra. Un elemento universale, la risalita all’indietro nel tempo, il risorgere nella narrazione di quel che dovrebbe essere morto. Una narrazione che ognuno può fare a se stesso, come se altre orecchie umane potessero ascoltarlo. Una serie infinita di cerchi concentrici, di echi e di rifrazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...