Elpino

In questa foto del 1951 sono in braccio a mio nonno paterno, Elpino. Il nome viene da un personaggio dell’Aminta di Tasso. Mia nonna Bianca era già morta, a quell’epoca, e io del nonno non ho alcun ricordo, perché morì pochi mesi dopo. Ebbe due figli e tre figlie: Cira, Elisa, Nino (mio padre), Norma e Tomaso (con una m sola). Erano stati agiati commercianti, i Brotto di Zero Branco, in provincia di Treviso, dove io nacqui e vissi per pochissimo tempo, prima che i miei genitori andassero a vivere a Venezia. All’inizio del Novecento avevano un emporio che vendeva di tutto, dal sapone ai fucili da caccia, come nel vecchio West. La crisi del Ventinove privò la famiglia della sua ricchezza. Non più servitori né cavalli, e mio nonno in età avanzata finì impiegato. Fascista della prima ora, fu anche podestà del paese. Nella foto si intravede la vecchia casa dei Brotto, costruita nel Settecento, in una stanza della quale sono venuto al mondo, trattovi di forza dal medico condotto, col forcipe di metallo. Qualche anno fa quella casa è stata rasa al suolo, insieme ai suoi soffitti ornati di stucchi, e al suo posto è sorta una costruzione in stile falso-veneto. Nel luogo dove sono nato ora c’è un bar.

4 pensieri su “Elpino

  1. Grazie per questo post e questa foto. E’ più di tanti romanzi. mi ricorda mio nonno Duilio, pittore, che andava in bicicletta per quelle strade e per la campagna delle Prealpi, col cavalletto legato alla canna della bici e il cappello di paglia, che era poi andato a Venezia con i suoi cinque figli e spesso riuscivano a vivere con gli acquerelli che vendeva ai turisti, quando non c’erano chiese da affrescare. Nel viso del nonno Elpino vedo qualcosa della sua dignità e della sua serenità.

    1. Che bello! Se ci riesco (non sono proprio pratica con il computer) ti mando una foto dell’autoritratto di mio nonno che ho qui in casa. Mi piacerebbe vedere una foto di un quadro di tuo nonno, perché anche a me piace dipingere quando ho un po’ di tempo e soprattutto mi piace vedere i quadri. Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...