La capanna nella vigna 8

La buona intelligenza politica, il giudizio su peso ed equilibri nelle regioni politiche, è altrettanto raro quanto la giusta comprensione del conflitto tragico. Ecco perché un buon dramma è altrettanto infrequente che una autentica concezione politica. (p.204)

Che il singolo, il debole, il perseguitato, nella sua cameretta, nel suo nascondiglio, nella cella della sua prigione possa opporre resistenza al Leviatano, che possa perfino citarlo sugli scranni della corte, e che tale forza gli sia conferita proprio dalla paura è un pensiero grandioso. È dunque soffrendo che si riesce a sopravvivere. (p. 215)

Poiché non possiamo vivere senza errore, dobbiamo solo sperare che i nostri errori non si avvicendino troppo rapidamente. Ci auguriamo pertanto che si avvicendino a lunghe ondate. Solcandole, le navi raggiungono sicure il porto: le chiese navigano sui millenni, gli stati sui secoli, gli individui su ondate di sette, dieci anni. (ibid.)

Annunci

Una risposta a "La capanna nella vigna 8"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...