La chiesa di Sade 4

ex-libris_thumbnail

Il saggio di De Benedetti si muove nella tradizione di quella forma del pensiero critico che opera per smascheramenti. Qui viene smascherata l’ideologia della Modernità, con i suoi diversi corollari. E vi sono punte acuminate e sorprendenti. Ad esempio, l’accostamento di Sade alle teorie della decrescita (p.79); o l’interpretazione del movimento gay, o le considerazioni sul trapianto d’organi (p. 87). Le descrizioni sadiane dei costumi dell’immaginario regno di Butua appaiono a De Benedetti sinistre profezie razionali degli sviluppi del nostro presente.

Frutto del marketing più che della consapevolezza di agire nel solco di una tradizione culturale che se conosciuta e analizzata nelle sue reali premesse li costringerebbe forse a dismettere in fretta i boa di struzzo e i perizoma, i cortei multicolori dell’orgoglio sodomita non riescono a pensarsi come eredi di un pensiero che è tutto il contrario di una rivendicazione di orgoglio. Il godimento da sauna di provincia nel quale l’effusione infeconda di seme ristagna è un pallido erede delle capanne del regno di Butua, e là dove si presenta nelle vesti derisorie e patetiche del richiamo alla classicità greca rimane inconsapevole della sua vera cultura di riferimento. Per non dire della rivendicazione “democratica” che le accompagna… sia essa un richiamo alla “tolleranza” o la richiesta di una ancor meno credibile sollecitudine nei confronti dei “diversi”. In entrambi i casi si tratta di occultare, più o meno consapevolmente, le tracce della profonda e sistematica, in quanto razionale, negazione dell’uguaglianza degli uomini che la cultura di riferimento omossessuale comporta, si tratti dell’antichità greca piuttosto che delle capanne del regno del male di Sade. (p. 83)

Si fatica atrovare in tutto il testo di De Benedetti un qualunque elemento positivo della Modernità. Essa appare connotata, direi teologicamente, come abbandono di Dio. La scienza per De Benedetti si inscrive in questa logica di abbandono di Dio da parte dell’umano, che di conseguenza divinizza l’altro da Dio. Qui naturalmente De Benedetti, al di là di tutte le argomentazioni secondarie su cui posso dissentire, ha ragione, in questo: che l’umano non può sussistere senza il divino. Può solo spostarlo, e quando non riconosce il divino trascendente finisce per divinizzare, anche senza volerlo, l’immanente. Ovvero la natura. Il materialismo scientista è una forma di questa divinizzazione.

Non c’è modo di comprendere nella sua interezza il pensiero sadiano se non collocandolo sullo sfondo delle teorie cosmologiche moderne che hanno ridotto potentemente ruolo e significato dell’uomo nell’universo (p. 91)

La matematizzazione e la formalizzazione sempre più spinta dello specialismo scientifico hanno determinato l’allontanarsi progressivo dal senso comune dell’esperienza scientifica, e ciò che doveva garantire il passaggio luminoso dell’umanità dal regno della superstizione a quello della verità, si è rivelato un salto dall’approdo, in alcuni dei suoi risultati, quanto meno precario. (p. 93)

Il pensiero di Sade è possibile solo a partire dalla profonda rottura che la modernità ha introdotto tra Dio uomo e mondo. (p. 97)

Tuttavia, infine, io rimango profondamente convinto del fatto che se la scienza moderna si è sviluppata nell’Occidente cristiano e non altrove questo non è un caso. E non è conseguenza di un’apostasia, ma dell’originaria posizione biblica della trascendenza, della biblica non mondanità di Dio, della sua radicale Alterità. Cosa che aveva capito Schiller, e tematizzato nella sua fondamentale poesia filosofica Gli Dei della Grecia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...