Vespe

Cacce sottili nel giardino di casa: sui fiori di lavanda una piccola vespa (una dolichovespula di un qualche tipo, penso).
Il mio primo incontro ravvicinato con le vespe avvenne nel lontano 1964, in montagna nei boschi di Caviola. Cercavo formiche e coleotteri sollevando cortecce dei ceppi degli abeti tagliati, e incappai in un nido di vespe, che mi aggredirono immediatamente. Avevo i calzoncini corti (di velluto a coste) e mi presi dodici punture. I miei genitori al mio ritorno si dimostrarono stranamente terrorizzati, e ne rimasi stupito, perché io sentivo un gran dolore ma pensavo che mi sarebbe passato presto. Così venni a sapere che mio padre era violentemente allergico alla puntura delle vespe, e se punto anche solo da uno di questi insetti rischiava la morte per la reazione anafilattica, e tutte le volte che lo avevano punto era svenuto. Perciò i miei temevano che io potessi aver ereditato l’allergia, e quindi potessi morire da un momento all’altro (mio padre con dodici punture sarebbe morto). Invece non sono allergico al veleno delle vespe, delle formiche e delle tracine, e di altri insetti e creature come ragni e ragnetti che mi hanno punto. Sono bensì allergico a qualcosa: alle cozze e alle graminacee, e ad alcuni tipi umani.
Né l’episodio di Caviola ha ingenerato in me alcun odio o repulsione per le vespe, anzi: ne sono un ammiratore.
Purtroppo, ogni tanto devo ucciderne, quando mi fanno un nido sul muro di casa, ad esempio. Stasera dovrò usare l’arma chimica contro i calabroni che si sono insediati in casa mia. Non è possibile aprire una trattativa, purtroppo: la dichiarazione di guerra è già stata consegnata ai loro ambasciatori.

Annunci

7 thoughts on “Vespe

  1. lo sai qual’è il vero problema…?
    che le api non fanno il miele.
    sotto le tegole della grondaia di Noceno anche io devo convivere con parecchie di queste vespe fastidiose, ma in camera da letto, un nido sotto il perlinato…questo mai!!!
    ciao Fabio

  2. Ciao prof. non sono defunta, ho solamente cambiato server telefonico con tutte le fastidiose e lumacose conseguenze del caso. Poca cosa poichè non si è accorto alcuno di questa mia assenza. Vedo che continui a dilettarti con l’entomologia e ciò mi rallegra dato che amo anch’io osservare gli insetti e le loro relative abitudini: Le api mi hanno sempre affascinato per la strabiliante capacità di fare degli alveari perfetti mentre le vespe mi spaventano un pò perchè sono più aggressive e anche se non rischio lo shock anafilattico, la reazione alle punture su di me è abnorme. Spero che tu stia benone e con te la tua famiglia, ricordati di abbracciare il tuo ragazzo per me, ciao Franca

  3. Io invece non amo molto questi insetti in nessun senso anche se li fotografo, però per farlo trattengo praticamente il fiato dalla fifa, lo ammetto. Però dopo essermene trovate addosso tantissime ora me ne sto alla larga, ho avuto molta fortuna, nessuna mi ha punta, si sono solo appoggiate sopra alla mia schiena, ero praticamente diventata una statua dalla paura.

    La guerra dichiarata ai calabroni come è finita poi??? Anche se immagino la risposta…
    Ciao, Pat

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...