Olympic Spread

«L’augurio è che la vita politica» come lo sport «non sia un conflitto lacerante ma sia un confronto e una competizione leale». Questo riportano i media italiani come detto da Napolitano a Londra. Se la politica dovesse diventare come lo sport contemporaneo, ci troveremmo ad avere politici pieni di anabolizzanti e di sostanze varie. Già la nostra borghesia è alquanto incline alla cocaina…

«L’Olimpiade deve essere una prova per il nostro Paese della capacità di affermare quei valori e quelle virtù che costituiscono la parte più importante del patrimonio dell’Italia». Ben detto, Napolitano. Infatti in anni passati alle Olimpiadi trionfavano Paesi virtuosissimi, come la Germania Est, l’URSS, e oggi la Cina, dove l’idea dell’atleta è quella di un combattente di regime, opportunamente sostenuto dalla medicina sportiva. Quali poi siano quei valori e virtù che distinguerebbero l’atleta italico stento a vedere, ma forse il mio sguardo è offuscato.

Nota finale: recentemente proprio Spagna e Grecia hanno organizzato splendide Olimpiadi, e dopo qualche anno vedi un po’ come si sono ritrovate. Tra me e le Olimpiadi avverto uno Spread.

Annunci

2 thoughts on “Olympic Spread

  1. Spettacolo triste e ribaldo quello delle olimpiadi. Non mi pare che il regista abbia messo in scena il vero prodromo della rivoluzione industriale, vale a dire la guerra di corsa che permise agli inglesi quell’accumulo di capitale, ancor più originario di quello effettuato ai danni dei liberi pascoli, necessario all’avvio del capitalismo. Gli spagnoli rapinavano i nativi e gli inglesi rapinavano i rapinatori… poi tutti insieme a spogliare il resto del mondo… non male davvero non male. E poi tutti insieme a gflorarsene con Beatles, Sex Pistols ecc. non manca mai nulla in questo mondo… Quanto alle parole di Napolitano fanno solo schifo nel senso tecnico del termine…

  2. Devo dire che le Aperture delle Olimpiadi, per quel poco che ne ho visto, sono sempre un’auto-glorificazione del Paese organizzatore, con elementi di falsificazione e retorica insulsa che stanno tra il ridicolo e il ripugnante. Tuttavia funzionano, la gente abbocca, guarda e partecipa… Evidentemente c’è bisogno di questi riti di massa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...