Il paese delle spose infelici

Elisabetta Liguori ha scritto per Bibliosofia una nota sull’ultimo romanzo di Mario Desiati. Comincia così:

Mario Desiati con questo suo nuovo romanzo, quello che non esito a definire della piena maturità e consapevolezza letteraria, ci offre un affresco ampio di quella che è la vocazione alla tragedia tutta meridiana.

Una voce maschile quanto impietosa, la sua, che rovista a fondo nella terra, nella giovinezza e tra le donne del sud. Una voce che sembra volersi opporre all’aura magica che circoscrive da sempre l’immagine del sud, ai suoi demoni leggendari, alle tradizioni, agli incubi del malocchio e dell’infelicità, per dare agli stessi la luce della razionalità e della cronaca che meritano, servendosi di un’analisi socio culturale d’altissimo livello. Come affermava Carlos Fuentes ”la tradizione e il passato sono reali soltanto quando vengono toccati, e a volte sottomessi, dall’immaginazione poetica del presente” e infatti nella pagine di Desiati i toni modernamente lirici diventano dettagliata guida storica per chi scrive come per chi legge.

Il resto qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...