La via di Schenèr

DSC01890Una via erta, stretta e pericolosa è stata quella che per secoli ha unito — unica via — la vallata del Primiero e la città di Feltre. La prima apparteneva alla casa d’Austria, la seconda a Venezia. Ma il vescovado di Feltre comprendeva anche il Primiero: una situazione complessa. Quella via alpestre, battuta da animali da soma e da uomini con some sulle spalle, che richiedeva circa 15 ore almeno per essere percorsa tutta, fu vitale anzitutto per gli abitanti del Primiero, e oggetto di innumerevoli controversie per la sua manutenzione. Tutta la storia di questo difficoltoso passaggio alpestre e del suo sfondo economico e politico è ricostruita con grande passione da Matteo Melchiorre nel suo libro La via di Schenèr (Marsilio 2016). È un libro straordinario, che unisce in una narrazione avvincente il rigore dello storico e una vena affabulatrice vivissima, cosa rara in Italia negli studiosi, e in particolare negli storici,  la cui vita, come quella di Melchiorre, che è un ricercatore universitario, si svolge essenzialmente tra un archivio e un altro. Quei luoghi io, veneziano, li ho frequentati abbastanza (la mia prima vacanza in montagna, nel 1952, fu a Fiera di Primiero, e molte volte sono stato a Feltre e sui monti circostanti), e forse per questo le pagine di Melchiorre mi prendono particolarmente, tuttavia è certo che il libro, denso di incontri e di figure e  vicende tratteggiate con mano sicura, si legge più volentieri di tanti romanzetti in circolazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...