Meccanismi

zab.jpg

Si sa che Adolf Eichmann grazie all’opera di Hannah Arendt La banalità del male ha assunto uno status simbolico, a rappresentare tutti quegli oscuri esseri umani che, ben impiantati nel ventre della grande macchina che è lo Stato moderno, operano con devota obbedienza di puri meccanismi, che si sentono realizzati in quanto tali. È molto facile condannare Eichmann. Molto meno facile chiedersi quale sia la misura della nostra somiglianza a lui.

copj13.jpg

Rifacendosi al grande testo della Arendt, Enrico Donaggio nel suo libro Che male c’è. Indifferenza e atrocità tra Auschwitz e i nostri giorni (l’ancora del mediterraneo, Napoli 2005) descrive il modello di individuo incarnato da Eichmann come

Un individuo che intratteneva un rapporto eminentemente “ideologico” con se stesso e con quanto lo circondava; che si dimostrava incapace di distinguere il vero dal falso, la realtà dalla finzione; e che non possedeva alcuna autentica convinzione. I suoi crimini […] non erano nemmeno rubricabili come infrazioni di una norma, piuttosto come forma di obbedienza automatica a un contesto improntato ad una collettiva quanto infantile fuga da se stessi e dalla responsabilità.

Guardiamoci ora intorno: nella società italiana è forse diffusa e radicata la capacità di distinguere il vero dal falso, la realtà dalla finzione, sono forse diffuse le convinzioni autentiche? O non sono invece dominanti ovunque le forme di obbedienza automatica, le collettive e infantili fughe da se stessi e dalla responsabilità?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...