Cancro morale

Ho scritto altre volte che il cancro dell’Italia è la sua Università. Come l’omonima malattia, infatti, essa non risponde ad alcuna legge etica e procede per metastasi. A giudicare dai media, l’attenzione sulla metastasi è abbastanza viva: la denuncia del proliferare dei corsi, delle sedi e sedine in ogni villaggio anche sperduto, le diseconomie, ecc. Ma non si è fatto nulla, finora. E non si è fatto nulla a causa di un pauroso buco nero di natura etica.

E i docenti universitari nulla hanno fatto per evitare il tracollo culturale legato anche alle lauree triennali coi loro programmi osceni. In realtà, la metastasi poteva essere impedita da una presenza massiccia di eticità all’interno dell’istituzione. Poiché questo elemento, che in Italia appare degno solo dei moralisti e dei predicatori, è in realtà fondamentale. In nessun Paese dell’Occidente il livello di corruzione dell’Università è paragonabile a quello che c’è in Italia: da noi nessuno (NESSUNO) dei concorsi universitari è un vero concorso, ma sempre (SEMPRE) è un falso (FALSO) concorso, per cui il vincitore è già stabilito, a prescindere dal merito. Chi sostenesse il contrario, è da me dichiarato falso e fellone, come i concorsi stessi, e sfidato a duello alla pistola da trenta passi. Ed è evidente che se il centro intellettuale del Paese è in queste condizioni morali, il resto non potrà che essere almeno altrettanto moralmente infermo.

I docenti universitari, che ora sbraitano contro il governo, e sobillano gli studenti, o si stracciano le vesti e fanno ridicole lezioni in piazza, dovrebbero interrogarsi sui concorsi da cui sono usciti e su quelli in cui hanno svolto il ruolo di esaminatori. Sul loro reale impegno nell’insegnamento, e su altre bubbole di questo genere. Hanno tollerato di tutto, e ora oscillano tra il ruolo di Catone e quello di Masaniello. Ma è evidente anche ai ciechi che una classe docente come quella che abbiamo non potrà affatto fare l’interesse dei giovani, perché le manca ogni vera passione per la giustizia, evocata e invocata qui da noi solo quando coincide col nostro particulare. Lo spettacolo generale che si dispiega sotto il nostro sguardo è mediocre, risibile e tristo. Leggono in pubblico Salvemini e intanto trafficano per far entrare in ruolo il cugino dell’amante.

2 pensieri su “Cancro morale

  1. Sono d’accordo con lei sul fatto che l’università vada riformata e ricostruita, che manchi di etica e che sia totalmente corrotta. Ne pago io stessa le conseguenze (ambisco a posti che sono già assegnati all’amichetta del professore). Ma non sarei così decisa nel criticare coloro che appoggiano questa protesta, visto che la famigerata 133 non può che peggiorare le cose. Riduzione del turn over significa meno spazio per giovani docenti e giovani ricercatori che abbiano energie e idee da dedicare allo studio e alla ricerca, a fronte del permanere di anziani docenti che, per quanto colti, sono semplicemente attaccati alla propria poltrona, o hanno già dato il loro contributo alla ricerca. Aggiungerei anche che non sono i professori a sobillare gli studenti, anzi, sono gli studenti e i ricercatori a cercare l’appoggio dei docenti, i quali di fatto non sono direttamente toccati dalla riforma. Quanto alle cattedre all’aperto, sono un grande segno di democrazia e civiltà, prima che una protesta, perché l’istruzione dovrebbe, in un mondo ideale, essere davvero gratuita e pubblica, come invece non è mai stata.

    Monica (una manifestante, attualmente studentessa-bidella, futura disoccupata.)

  2. Ma io non sostengo che la 133 migliori le cose. Sostengo invece che con Veltroni al governo l’Università non migliorerebbe affatto, e che gli studenti sbagliano a cercare l’appoggio dei baroni. Penso, anche, che una società che per per un secolo ha tollerato l’Università-baronia (coi baroni bianchi e i baroni rossi che ben ricordo) non sia molto migliore dell’Università stessa. Sostengo, quindi, che non c’è nulla da sperare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...