Rileggo Simone Weil 7

zab1.jpg

(L’anima è l’essere umano (il corpo umano…) considerato come valore in sé. Amare l’anima di una donna significa non pensare questa donna in funzione dei propri piaceri, ecc.). (I 142)

A me pare che pensare l’anima in termini che siano insieme rigorosamente filosofici e convincenti per le persone di oggi sia impossibile. Lo dimostra l’ultimo libro di Vito Mancuso, di cui ho scritto qualcosa, e il dibattito che intorno ad esso si è acceso. Misero dibattito, secondo me, e privo di qualsiasi grandezza. Questa definizione di Simone Weil mi sembra molto interessante, e anche significativa del fatto che è impossibile ridurre la pensatrice francese ad una semplice esponente dell’eterno platonismo (nonostante alcuni aspetti del suo stesso pensiero). In effetti, il catarismo di Simone Weil è molto particolare, e si è venuto determinando lungo un sentiero molto personale. In questo sentiero personale il rapporto al proprio corpo femminile, e al desiderio che in quanto tale poteva suscitare nel maschio, ha avuto un luogo determinante. Non è un caso, penso, che qui la Weil assuma l’ottica del maschio, scrivendo non “amare un uomo”, e nemmeno “amare una persona”, ma “amare una donna”.

L’amore di cui qui scrive Simone Weil è l’amore riscattato dal suo asservimento all’ego, che significa la liberazione dell’umano dal suo essere curvus in se: è il riscatto di eros, la sua liberazione da parte di agape. Ma soltanto se si assume l’idea biblica dell’umano come carne questo riscatto può aver luogo.

Amare l’umano come Dio lo ama. Ma come lo ama Dio? Qui il pericolo, che l’umano in quanto tale non può superare, è quello di fare dell’amore divino null’altro che una copia di ciò che umanamente ci pare essere amore, declinata all’infinito. Ma qui si erge, come una montagna invalicabile, la Natura. E il problema della connessione e armonizzazione della sfera antropologica con quella cosmologica. E’ uno dei molti punti in cui, secondo me, naufraga la speculazione di Mancuso, ma anche molta teologia cattolica ortodossa. E’, in ultima analisi, il problema di Giobbe. E’ il problema della Creazione. Concepire Dio come amore (umano) infinito porta infine a giudicare Dio malvagio (ha creato la sofferenza degli enti), o impotente (non riesce a impedire la sofferenza degli enti). Porta a pensare che se fossimo Dio creeremmo un mondo migliore. Porta dunque alla superbia.

Non esiste che una via d’uscita, se non si vuole fare della Natura un ambito totalmente abbandonato da Dio, estraneo al suo amore. L’accettazione totale. Tutto ha origine dalla mano divina: lo splendore dell’alba, la rugiada sui fiori, il canto degli uccelli, la bocca spalancata del coccodrillo, il coro dei lupi alle spalle del cervo ansimante. Il creatore dei lupi è il creatore dell’uomo, è Colui che ha resuscitato Lazzaro.

Annunci

3 risposte a "Rileggo Simone Weil 7"

  1. solo un breve spunto aneddotico personale.
    Avrò avuto 7 o 8 anni; avendo sentito pronunciare la parola “filosofia” chiesi a mio padre che cosa fosse.
    Mi rispose ( e non è un caso che me lo ricordi bene dopo 48 anni): “quando tu dici “amo le patatine fritte” e io dico che “amo la mamma”, adoperiamo lo stesso verbo amare. Secondo te è la stessa cosa?” Risposi ovviamente di no. “perchè?” insistette il babbo.Non ricordo la mia risposta, che immagino confusa e non metodologicamente stringente. il babbo concluse che, “è per rispondere e fare chiarezza su argomenti del genere che, da venticinque secoli, esistono la filosofia e i filosofi”. Weil e Brotto compresi….

  2. l’anima e l’amore sono strettamente legati…
    e l’amore quando è tale è generoso più della vita stessa
    e quale nutrimento è più grande di un’amore che abbraccia il cosmo, e l’anima risveglia?

    :-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...