The Scenic Imagination 4

gans.jpg

In una frase famosa di Tristi tropici (1955), Claude Lévi-Strauss, parlando per la comunità antropologica/etnologica, chiama Rousseau “nostro maestro e nostro fratello”. Rispetto al discorso standard dell’antropologia accademica, Rousseau è davvero il primo pensatore a costruire un modello dell’umanità primitiva (“la società incominciata”, la société commencée) sulla base di dati etnografici limitati ma ragionevolmente affidabili – un’età argentea situata paradossalmente sull’interfaccia tra lo stato di natura innocente e l’influenza mimetica corruttrice della società.

L’espulsione che Rousseau opera della rivalità hobbesiana dalla natura umana – in contrasto con la mitigazione-mediante-la proprietà proposta da Locke – potrebbe ben essere definita il primo gesto dell’antropologia moderna-come-etnologia: questa cancellazione del peccato originale del desiderio mimetico, che ha continuato a motivare l’antropologia come disciplina, le ha allo stesso tempo impedito di costruire un modello generativo dell’umano. (p. 46)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...