La distinzione fra moneta e denaro (4)

https://www.facebook.com/brottof
copj13

La “plastic card”, la moneta elettronica, la moneta scritturale, la moneta web sembrano essere le forme più prossime, se non addirittura equivalenti, all’immaterialità, al totalmente immateriale. In ragione di questa presunta immaterialità, esse sono state scambiate (…) per il convertitore universale di tutti i valori materiali, il denaro, invece di essere analizzate come moneta, individuandone nell’elemento scritturale la prima condizione necessaria della validità e dell’accettabilità della moneta stessa.
Ed è su questa confusione che si fonda l’ambiguità sostanziale della teoria di Searle e non sull’ambiguità terminologica consentita dalla lingua inglese grazie alla possibile doppia accezione del termine “money”.
(…) Continua a leggere

Annunci

La distinzione fra moneta e denaro (3)

copj13

ll denaro opera pertanto in quanto concetto, in quanto idea, e genera azioni. In primo luogo, fa muovere il pensiero, fa muovere la mente all’idea del suo stesso possesso, fa pensare a come “fare” denaro, a come produrre ricchezza per sé e per altri, e in secondo luogo, come derivato, fa trasferire e moltiplicare le cose nella realtà sociale. (p. 29) Continua a leggere

La distinzione fra moneta e denaro (2)

copj13

La condizione necessaria dell’oggetto sociale moneta, il modo in cui esso si costituisce a seguito di un atto compiuto da almeno due individui, è una iscrizione che gli conferisce una riconosciuta validità-legalità. Tant’è che in alcune società primitive la merce utilizzata come moneta veniva “segnata” in modo da inibirne l’uso originario (conchiglie, sale, e attualmente la firma del governatore della Banca centrale europea). Unicamente il segno distintivo permette che la merce sia accettata come moneta e svolga le funzioni assegnatele. (p. 19) Continua a leggere

La distinzione fra moneta e denaro (1)

copj13

Un testo molto stimolante anche per chi come me non è uomo di studi economici è La distinzione fra moneta e denaro. Ontologia sociale ed economia, di Maria Grazia Turri (Carocci 2009). Si tratta di un saggio impegnativo e di grande portata. Vi dedicherò una breve serie di post, citando i passi più significativi e illuminanti. Continua a leggere