Bevo dunque sono

Un libro iniziatico, ricco di illuminazioni e di un umorismo benevolo e umanissimo, è la guida filosofica al vino di Roger Scruton Bevo dunque sono (I Drink Therefore I Am. A Philosopher’s Guide to Wine, 2009, trad. it. di G. Rigamonti, Raffaello Cortina Editore 2010). Inglese che avrebbe voluto farsi francese per amore dei grandi vini di Francia e delle terre che li generano, Scruton trascina il lettore da una regione all’altra, da un vigneto all’altro, mostrando come deve essere il rapporto più nobile e fecondo col grande dono degli Dei. Molte figure di filosofi sono presenti nel libro, ampiamente autobiografico, che alla fine offre anche una serie di consigli sugli abbinamenti della giusta bottiglia ad una serie di opere filosofiche. Il pensiero di Scruton anche in quest’opera appare libero e liberalconservatore, abbastanza irriverente nei confronti dei luoghi comuni di ogni tipo e della political correctness imperante. Ne riporto qualche passaggio.  Continua a leggere